von-der-leyen:-istituiremo-un-pacchetto-di-misure-a-supporto-delle-pmi

Proporremo regole comuni sul fare impresa e rivedremo la direttiva sui ritardi di pagamento

“Presenteremo un pacchetto di aiuti per le Pmi. Comprenderà una proposta per un insieme unico di norme fiscali per fare affari in Europa, lo chiamiamo Befit. Ciò renderà più facile fare affari nella nostra Unione. Meno burocrazia significa migliore accesso al dinamismo di un mercato continentale”.

Lo ha annunciato la Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, nel suo discorso sullo Stato dell’Unione al Parlamento europeo. “E rivedremo la direttiva sui ritardi di pagamento, perché semplicemente non è giusto che 1 fallimento su 4 sia dovuto a fatture non pagate in tempo. Per milioni di aziende familiari, questa sarà un’ancora di salvezza in acque agitate”, ha aggiunto.

“Milioni di europei hanno bisogno di sostegno. Gli Stati membri dell’Ue hanno già investito miliardi di euro per assistere le famiglie vulnerabili. Ma sappiamo che non sarà sufficiente. Per questo motivo proponiamo un tetto ai ricavi delle aziende che producono elettricità a basso costo. La nostra proposta raccoglierà più di 140 miliardi di euro per gli Stati membri per attutire il colpo direttamente”, ha detto la Presidente.

Sul gas von der Leyen ha sottolineato: “Abbiamo concordato lo stoccaggio congiunto. Ora siamo all’84%: stiamo superando il nostro obiettivo. Ma purtroppo non basterà. Abbiamo diversificato dalla Russia a fornitori affidabili. Stati Uniti, Norvegia, Algeria e altri. L’anno scorso, il gas russo ha rappresentato il 40% delle nostre importazioni di gas. Oggi è sceso al 9% di gasdotto”.

“Abbiamo riportato in superficie la forza interiore dell’Europa – ha aggiunto e avremo bisogno di tutta questa forza. I mesi che ci aspettano non saranno facili sia per le famiglie che faticano a sbarcare il lunario, sia per le imprese che devono affrontare scelte difficili per il loro futuro. Siamo chiari: la posta in gioco è alta. Non solo per l’Ucraina, ma per tutta l’Europa e per il mondo intero. “Saremo messi alla prova da coloro che vogliono sfruttare qualsiasi tipo di divisione tra di noi”, ha sottolineato la Presidente.

“Oggi posso annunciare – ha sottolineato – che creeremo una nuova Banca europea dell’idrogeno. Contribuirà a garantire l’acquisto di idrogeno, in particolare utilizzando le risorse del Fondo per l’innovazione. Potrà investire 3 miliardi di euro per aiutare a costruire il mercato futuro dell’idrogeno. L’idrogeno può essere un punto di svolta per l’Europa. Dobbiamo spostare la nostra economia dell’idrogeno dalla nicchia all’ampia scala”, ha sottolineato von der Leyen, ricordando che nel maxi-piano energetico RePowerEU” l’Ue ha raddoppiato l’obiettivo “per il 2030 di produrre dieci milioni di tonnellate di idrogeno rinnovabile nell’Ue, ogni anno”.

Ridurre la domanda di elettricità negli orari di picco farà calare i prezzi, per questo proponiamo misure a tutti gli Stati membri per ridurre i consumi di elettricità”, ha affermato la Presidente che ha portato ad esempio i lavoratori delle fabbriche di ceramica del Centro Italia. “Questi lavoratori hanno deciso di spostare i loro turni al mattino presto, per beneficiare della riduzione dei prezzi dell’energia. Questo è un esempio su un milione di europei che si adattano a questa nuova realtà. Voglio che la nostra Unione prenda esempio dalla sua gente. Ridurre la domanda durante le ore di punta farà durare più a lungo l’offerta e farà scendere i prezzi”, ha aggiunto. Con l’Italia ha fatto un altro esempio, sempre in tema di energia: “La “necessaria trasformazione” verde dell’energia in Europa “è iniziata”. “Sta accadendo nel Mare del Nord e nel Mar Baltico, dove i nostri Stati membri hanno deciso di investire massicciamente nella produzione eolica offshore. Sta accadendo in Sicilia, dove la più grande fabbrica solare d’Europa produrrà presto la nuova generazione di pannelli. E sta accadendo nel nord della Germania, dove i treni locali ora viaggiano con idrogeno verde”.

“La Commissione europea intende sviluppare – ha spiegato la Presidente – un riferimento (benchmark) più rappresentativo sul trading dell’elettricità e al tempo stesso lavorare con i regolatori per attenuare i problemi degli attuali indicatori di mercato anche allentando le regole sui titoli collaterali, puntando a limitare la volatilità dei prezzi intraday”.

“Gli Stati membri – ha specificato – dovrebbero avere maggiore flessibilità sui loro percorsi di riduzione del debito. Ma ci dovrebbe essere una maggiore responsabilità sul rispetto di ciò che abbiamo concordato. Nella riforma del Patto di stabilità, dovrebbero esserci regole più semplici che tutti possono seguire. Occorre aprire lo spazio per investimenti strategici e dare ai mercati finanziari la fiducia di cui hanno bisogno”.

“Servono norme Ue di bilancio che ci consentano investimenti strategici ma che salvaguardino nel contempo la sostenibilità delle finanze pubbliche. Gli Stati membri dovrebbero disporre di una maggior flessibilità nel loro percorso di riduzione del debito, ma dovrebbe esserci tuttavia maggior responsabilità nell’attuare quanto concordato”, ha detto von der Leyen in riferimento alla futura riforma del Patto di stabilità. “Per il futuro dei nostri figli – ha aggiunto – occorre sia investire nella sostenibilità che investire in modo sostenibile. Dobbiamo finanziare la transizione verso un’economia digitale e a emissioni zero. Ma dobbiamo anche prendere atto della nuova realtà di un debito pubblico più elevato. A ottobre presenteremo nuove idee di governance economica. Servono norme più semplici che tutti siano in grado di seguire e che consentano di creare uno spazio aperto agli investimenti strategici e di dare ai mercati finanziari la fiducia di cui hanno bisogno. Dobbiamo tracciare un cammino comune per il futuro, con più libertà di investimento e un maggior controllo su quanto realizzato. Occorre una maggiore responsabilità da parte degli Stati membri e il conseguimento di migliori risultati per i cittadini.  Riscopriamo lo spirito di Maastricht: stabilità e crescita vanno necessariamente di pari passo”.

“Cinque anni fa l’Europa ha lanciato la Battery Alliance – ha aggiunto. E presto due terzi delle batterie di cui abbiamo bisogno saranno prodotti in Europa. L’anno scorso ho annunciato l’European Chips Act. E la prima gigafactory di chip aprirà la strada nei prossimi mesi. Ora dobbiamo replicare questo successo. Questo è anche il motivo per cui aumenteremo la nostra partecipazione finanziaria a importanti progetti di comune interesse europeo. E per il futuro, spingerò per creare un nuovo Fondo di sovranità europeo. Assicuriamoci che il futuro dell’industria sia fatto in Europa”.

“La democrazia non è passata di moda ma deve aggiornarsi per continuare a migliorare la vita delle persone”. “Queste sono le parole di David Sassoli, un grande europeo a cui oggi rendiamo omaggio. Sassoli pensava che l’Europa dovesse sempre cercare nuovi orizzonti. E attraverso le avversità di questi tempi, abbiamo iniziato a vedere quale potrebbe essere il nostro nuovo orizzonte. Un’Unione più coraggiosa. Più vicina ai suoi cittadini nei momenti di bisogno”, ha concluso Ursula von der Leyen nel discorso sullo Stato dell’Unione. “Ecco perché la Conferenza sul futuro dell’Europa è stata così importante. Nel mio ultimo discorso sullo Stato dell’Unione, vi ho detto che vorrei che l’Europa assomigliasse di più a questi giovani. Dovremmo mettere le loro aspirazioni al centro di tutto ciò che facciamo. E il posto per questo è nei nostri Trattati istitutivi. Pertanto, onorevoli deputati, ritengo che sia giunto il momento di sancire la solidarietà tra le generazioni nei nostri Trattati. È tempo di rinnovare la promessa europea. E dobbiamo anche migliorare il modo in cui facciamo e decidiamo le cose. Qualcuno potrebbe dire che non è il momento giusto. Ma se vogliamo prepararci seriamente al mondo di domani, dobbiamo essere in grado di agire sulle cose che contano di più per le persone. E se vogliamo seriamente un’unione più ampia, dobbiamo anche essere seri sulle riforme. Pertanto, come richiesto da questo Parlamento, credo che sia arrivato il momento di una Convenzione europea“.

L’articolo Von der Leyen: istituiremo un pacchetto di misure a supporto delle Pmi proviene da Confesercenti Nazionale.

 Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Confesercenti Provinciale di Enna
Via Siracusa 13/Bis - 94100 Enna
Tel. 0935.24118
Fax 0935.633230
Cell. 335.7908427