riforma-fisco:-ipotesi-4-aliquote-irpef.-sul-tavolo-anche-una-no-tax-area

Riduzione degli scaglioni Irpef, che scenderebbero da cinque a quattro, rimodulazione conseguente e contemporanea delle aliquote, innalzamento della no tax area e revisione delle detrazioni per inglobare il bonus da 100 euro.

La riforma del fisco comincia a prendere forma anche se il tavolo di maggioranza, convocato dal ministro dell’Economia Daniele Franco, dovrà lavorarci ancora domani mattina. L’intenzione resta quella di trovare un accordo entro la settimana.

Al riguardo Bankitalia teme si favorirebbero eccessivamente i redditi diversi da quelli da lavoro dipendente. “Poiché i redditi da lavoro dipendente rappresentano poco più della metà del reddito complessivo dichiarato, l’obiettivo di ridurre il cuneo fiscale che grava su di essi sarebbe più efficacemente raggiungibile con la revisione di detrazioni e trattamento integrativo”, cioè l’ex
bonus Irpef, “piuttosto che con la sola riduzione delle aliquote che favorirebbe anche i redditi diversi da quelli da lavoro dipendente”, ha detto il capo del Servizio Struttura economica di Bankitalia, Fabrizio Balassone.  Dubbi anche sul taglio dell’Irap, dato che la tassa finanzia il SSN, e quindi andranno trovate “soluzioni alternative”.

Alle indicazioni di Palazzo Koch si aggiungono quelle dell’Ufficio parlamentare di bilancio (Upb), che sul fisco vede solo “principi” generici, e sulla manovra molte “scelte rinviate”, nonché quelle della Corte dei Conti: secondo i magistrati contabili sulla previdenza non si è fatto abbastanza per rimuovere “la forte incertezza” che si è creata con Quota 100.

Sul fisco il lavoro del governo ha comunque fatto passi avanti. “Aspettiamo altre simulazioni, abbiamo discusso ancora su Irpef e Irap, tendenzialmente la scelta è quella di andare sulle aliquote”, ha detto il viceministro del Mise Gilberto Pichetto Fratin. La convergenza sarebbe su una soluzione che riduca da cinque a quattro gli scaglioni dell’imposta sui redditi, ritoccando almeno le aliquote centrali, e innalzando la soglia sotto cui c’è l’esenzione completa. Inoltre, si studia una revisione delle detrazioni con cui si riassorbirebbe anche il bonus Irpef da 100 euro, introdotto da Renzi e poi ampliato.

Sull’Irap il tavolo al Mef si è aggiornato a domani, quando ci saranno nuove simulazioni dei tecnici. Al momento sono aperte tutte le opzioni, e restano privilegiate quelle che aboliscono la tassa per le Pmi.

 

L’articolo Riforma Fisco: ipotesi 4 aliquote Irpef. Sul tavolo anche una no tax area proviene da Confesercenti Nazionale.

 Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Confesercenti Provinciale di Enna
Via Siracusa 13/Bis - 94100 Enna
Tel. 0935.24118
Fax 0935.633230
Cell. 335.7908427