notizie

Editoria: Fenagi, bene impegno sottosegretario Barachini su bonus edicole, ma necessario confronto su proroga tax credit per rete di vendita

Sala Stampa No Comments
editoria:-fenagi,-bene-impegno-sottosegretario-barachini-su-bonus-edicole,-ma-necessario-confronto-su-proroga-tax-credit-per-rete-di-vendita

Edicole: Fenagi su Barachini

“Bene la proposta del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’editoria, Alberto Barachini, in audizione in Commissione Cultura alla Camera, di proroga ed eventuale stabilizzazione della misura del bonus per le edicole, ma riteniamo che si debba tornare a parlare di tax credit per la rete di vendita”.

Così Fenagi, la Federazione degli edicolanti aderenti a Confesercenti.

“Se, come ha sostenuto il sottosegretario, le edicole sono centrali nei tessuti cittadini e periferici del Paese – continua Fenagi – si rende necessaria una misura più incisiva per affrontare le innovazioni che gli edicolanti devono intraprendere, per competere con l’espansione del digitale”.

“Come lo stesso sottosegretario Barachini ha evidenziato, e come noi ribadiamo da tempo – conclude la Federazione – le edicole possono rimanere punti di riferimento nell’offerta ai cittadini di tanti servizi legati alla pubblica amministrazione, oltre che per la diffusione della stampa. Ecco perché occorre un sostegno pubblico consistente per gli investimenti che la rete di vendita delle edicole sta sostenendo e continuerà a sostenere”.

 

L’articolo Editoria: Fenagi, bene impegno sottosegretario Barachini su bonus edicole, ma necessario confronto su proroga tax credit per rete di vendita proviene da Confesercenti Nazionale.

Faib Confesercenti Modena: riduzione taglio delle accise carburanti

Sala Stampa No Comments
faib-confesercenti-modena:-riduzione-taglio-delle-accise-carburanti

Riduzione taglio accise carburanti

L’Associazione: “Un errore, rischio rincari generalizzati. Frenata per mobilità, turismo e consumi natalizi”

Dal prossimo 1° dicembre entrerà in vigore il taglio dello sconto che riguarda le accise sui carburanti. Una misura prevista in un decreto licenziato dal Governo Meloni che, secondo Faib Confesercenti Modena, rischia di generalizzare rincari del carburante. A rischio mobilità, turismo e consumi natalizi, già penalizzati dal caro bollette e inflazione alle stelle. Giberti: “Questa decisione ci lascia molto perplessi e preoccupati”

La Federazione Autonoma Italiana dei benzinai modenesi di Confesercenti attacca la decisione del governo di ridurre il taglio delle accise sui carburanti dal 1° dicembre. Secondo la federazione, la scelta di revocare lo sconto non va nella giusta direzione.
“La riduzione dello sconto è una scelta sbagliata – dichiara Franco Giberti, Presidente Provinciale Faib Confesercenti Modena – sia perché rischia di generare rialzi inflattivi dei prezzi delle merci, sia per le conseguenze negative sui consumi, che peseranno sul periodo natalizio orami alle porte, centrale per la tenuta di commercio e turismo”.
La rideterminazione della riduzione del taglio porterà ad un aumento per benzina e gasolio sul prezzo al distributore di 12,2 centesimi al litro. Di conseguenza, dal 1° dicembre, con questi rincari, la benzina tornerà a sfiorare di nuovo i due euro al litro mentre il prezzo del gasolio salirà oltre i due euro al litro.

“Comprensibili le ragioni economiche che hanno indotto il governo ad aumentare le tasse su benzina e gasolio per recuperare risorse per finanziare altri interventi – continua Giberti – ma dobbiamo osservare che ancora una volta si fa leva sui carburanti per il reperimento delle risorse finalizzate ad interventi straordinari. La pressione fiscale sui carburanti a regime in Italia è una delle più alte d’Europa ed è urgente pensare a come ridurre strutturalmente il prelievo”.

“Ribadiamo la contrarietà a questo provvedimento e ci auguriamo che la pressante richiesta della categoria per una riforma del settore, sia accolta dal Governo e che questa sia accompagnata anche da un ripensamento sulla pressione fiscale sui carburanti, che pesa come un macigno su famiglie e imprese. Infine, ci teniamo a precisare che gli automobilisti, a fronte degli imminenti rincari, non devono puntare il dito contro i gestori degli impianti ma con chi ha licenziato il Decreto” conclude Giberti.

Leggi le altre notizie Confesercenti dal territorio

L’articolo Faib Confesercenti Modena: riduzione taglio delle accise carburanti proviene da Confesercenti Nazionale.

Confesercenti Pistoia: Alla scoperta di prodotti tipici pistoiesi e sonetti in vernacolo

Sala Stampa No Comments
confesercenti-pistoia:-alla-scoperta-di-prodotti-tipici-pistoiesi-e-sonetti-in-vernacolo

Appunti Viaggio cibo cultura

Ecco “Com’enno i pistoiesi”: la rassegna “Appunti di viaggio. Racconti di Toscana tra cultura e cibo”

Per il ciclo “Appunti di viaggio. Racconti di Toscana tra cultura e cibo” organizzati da Confesercenti Pistoia nell’ambito del progetto Vetrina Toscana, la rete della Regione che promuove i prodotti e i piatti tipici regionali, venerdì 2 dicembre ci sarà un nuovo appuntamento a Pistoia con una cena e uno spettacolo in vernacolo pistoiese alla scoperta dei personaggi che hanno caratterizzato la storia della città.

La serata, dal titolo “I pistoies’enno ‘osi’!”, inizierà alle 20 con una cena al ristorante “Meglio Palaia” in via di S. Agostino, con un menù tutto da gustare: salumi e crostini, tortelli di patate al ragù di coniglio e maccheroni sull’anatra, gran fritto del contadino, schiacciata alla fiorentina e vino della cooperativa Chianti Montalbano.

Alle 22 la serata proseguirà con uno spettacolo alla ricerca delle origini della poesia vernacolare pistoiese. I sonetti che saranno recitati dagli attori Rossella Fedi, Antonella Ferro e Fabio Gonfiantini, e accompagnati da foto proiettate su grande schermo, copriranno l’arco temporale di quasi un secolo, dagli anni ‘40 del ‘900 ai nostri giorni. Sonetti composti da Sebastiano Frosini (1888-1957) cioè il commerciante “Frisino”, come si firmò fin dagli anni ’20 anagrammando il proprio cognome; Giulio Fiorini (1906-1992), elettricista alla San Giorgio (poi Breda), ma anche organizzatore di eventi e premi letterari; il ferroviere Renzo Corsini (nato nel 1936 e ancora vivente), che nonostante l’età veneranda continua a comporre poesie, spesso rompendo le uova nel paniere a politici e amministratori pubblici.

Non mancheranno spunti per riflettere su come sono la città e i suoi abitanti, perché…“I pistoies’enno ‘osi’!”.

Costo dell’evento (progetto di Vetrina Toscana, realizzato con il contributo di Regione Toscana e Camera di Commercio di Pistoia-Prato e con il sostegno di Toscana Promozione Turistica): 25 euro, con prenotazione entro giovedì 1 dicembre. Info: 3664091762, stefania@primaveraviaggi.it.

Leggi le altre notizie Confesercenti dal territorio

L’articolo Confesercenti Pistoia: Alla scoperta di prodotti tipici pistoiesi e sonetti in vernacolo proviene da Confesercenti Nazionale.

Moneta elettronica: Confesercenti, problema sono commissioni, non le sanzioni

Sala Stampa No Comments
moneta-elettronica:-confesercenti,-problema-sono-commissioni,-non-le-sanzioni

Pos: paradossale centrale per Manovra

Il numero di POS è raddoppiato dal 2015 ad oggi, senza bisogno di multe. Rimane il problema dei costi di utilizzo delle carte che azzerano i margini su alcuni prodotti

Che la questione delle sanzioni sul POS sia diventata l’argomento più da attenzionare della manovra di bilancio ci pare veramente paradossale. Il problema della moneta elettronica non sono le sanzioni, il problema sono le commissioni. Così Confesercenti.

Un tabaccaio che rinnova un bollo auto da 50 euro ha un margine di guadagno di 1 euro. Se il pagamento del bollo – o di qualunque altro bollettino – viene effettuato con carta di credito, di fatto le commissioni azzerano o quasi il guadagno.

Un rifornimento di benzina di 50 euro, pagato con alcune carte di credito, porta addirittura al di sotto dello zero il margine del benzinaio.

Si ritiene che la soluzione per combattere l’evasione fiscale sia rendere obbligatoria l’accettazione dei pagamenti elettronici. Bene. Noi siamo d’accordo. Non ci va di fare passare intere categorie per ‘furbetti’. Si azzerino però i costi di tutte le mini-transazioni con Pos e carte di credito fino a 50 euro e se si vuole, a questo punto, si mantengano pure le sanzioni.

Da sempre pensiamo che una maggiore diffusione ed utilizzo delle carte di credito e debito sia opportuna ed utile. Anche perché pure gestire il contante è un onere: non sono costi immediatamente visibili ma ci sono, dal rischio rapine alla necessità di assicurazioni e sistemi di sicurezza, il problema delle banconote false, etc…

Proprio per questo, i POS sono stati adottati dalle imprese anche senza sanzioni: nel 2021 ce n’erano 3,9 milioni, oltre il doppio del numero del 2015. E anche le transazioni in moneta elettronica sono letteralmente esplose negli ultimi due anni, complice la pandemia: nel 2021 sono state circa 3,8 miliardi, il 52% in più del 2019.

E il totale del transato ha toccato i 183,6 miliardi di euro, il 35% in più. Anche il 2022 è partito con l’acceleratore: nei primi sei mesi le sole carte di debito hanno totalizzato oltre 98 miliardi di euro in 2,1 miliardi di operazioni, il 20% in più dello stesso periodo del 2021. Un boom che però ha dei costi notevoli per gli esercenti: circa 772 milioni di euro l’anno, fra commissioni e acquisto/comodato del dispositivo.

Per questo da sempre chiediamo, in particolare per alcune categorie, l’azzeramento delle commissioni sui piccoli pagamenti. Modernizziamo la rete, dotiamo tutti di POS e a lettura veloce contactless. Anche per quanto ci riguarda, riteniamo giusto che chi vuole pagare con la carta di credito lo possa fare.

Ma fino a che non si saranno compensazioni con i costi delle commissioni, non si può chiedere di accettare i pagamenti via POS e rimetterci. Specialmente sui servizi utili per i cittadini – come i pagamenti dei bollettini, delle multe ed altro – che con la riduzione di bancomat e uffici postali sul territorio (ne sono scomparsi circa 8.700 dal 2015) si sono trasferiti presso negozi, edicole e tabaccai. Ma con 10 bollettini da 100 euro al giorno pagati con alcune carte, il commerciante ci rimette dieci euro.

Rimane poi il tema della percentualizzazione delle commissioni, direttamente proporzionali all’importo pagato, che almeno dovrebbe favorire l’azzeramento dei costi per i pagamenti minimi. Questo darebbe davvero una mano alla diffusione della moneta elettronica.

L’articolo Moneta elettronica: Confesercenti, problema sono commissioni, non le sanzioni proviene da Confesercenti Nazionale.

Benzinai: autostrade, la concessione di un bene pubblico usata per lucro privato

Sala Stampa No Comments
benzinai:-autostrade,-la-concessione-di-un-bene-pubblico-usata-per-lucro-privato

Benzinai autostrade in sciopero

Gestori aree autostradali in sciopero per 72 ore, dalle 22.00 del 13, alle 22.00 del 16 dicembre

Le aree di servizio autostradali rimarranno chiuse per sciopero per 72 ore consecutive, dalle ore 22.00 di martedì 13, alla stessa ora di venerdì 16 dicembre prossimo.

Questo l’annuncio affidato ad un comunicato congiunto delle Organizzazioni di categoria dei Gestori degli impianti autostradali, Faib, Fegica ed Anisa.

“Tutto lascia intendere che la bozza di Decreto Interministeriale che viene fatta circolare dagli ultimi giorni della scorsa legislatura abbia l’obiettivo di preservare un sistema ormai incancrenito che
ha consentito, consente e, a queste condizioni, continuerà a consentire prima di tutto alle società concessionarie di godere di ingenti rendite di posizione, lucrate sul bene pubblico”.

“Si tratta della “denuncia” – prosegue la nota sindacale – già formalmente presentata per competenza ai Ministri del precedente e dell’attuale Governo – Giovannini, Cingolani, Salvini e Pichetto Fratin – senza tuttavia che sia stata fornita alcuna risposta, né accordato l’incontro urgentemente richiesto”.

“Ogni cittadino di questo Paese ha conosciuto a proprie spese lo stato di assoluto degrado a cui sono state sottoposte le aree di servizio autostradali, sia in termini di prezzi dei carburanti e della ristorazione, del tutto abnormi e fuori mercato, sia in termini di standard qualitativi”.

“E’ l’effetto di una politica ormai ventennale che ha permesso prima di tutto alle società concessionarie di utilizzare senza alcun controllo concreto dell’Amministrazione – che pure ne avrebbe l’obbligo di legge – un bene in concessione come se fosse una “cosa privata”, da sfruttare unicamente a uso e consumo proprio e dei soggetti a cui è stato e viene tuttora consentito di lucrare”.

“Tocca ancora una volta alle piccole società di gestione – ultimo anello di una filiera composta da soggetti con ben altra forza e solidità – con il solo mezzo a propria disposizione, vale a dire l’astensione dal lavoro, l’ingrato compito scoperchiare una pentola ormai marcia che sembra essere funzionale a tutti – Governi, Autorità di Garanzia competenti, Concessionari, marchi della
Ristorazione, compagnie Petrolifere ed ora persino quelle Elettriche – tranne che ai Gestori ed ai Consumatori che, infatti, in meno di dieci anni, hanno tagliatodell’80%i loro acquisti in autostrada”.

“La proclamazione formale dello sciopero – conclude la nota – è già stata inviata alla Commissione per lo sciopero nei pubblici servizi, cui è stata richiesta l’attivazione delle procedure di raffreddamento e conciliazione delle vertenze collettive di interesse nazionale, così come da normativa vigente”.

L’articolo Benzinai: autostrade, la concessione di un bene pubblico usata per lucro privato proviene da Confesercenti Nazionale.

Confesercenti Campania: dimissioni di 7 consiglieri della Camera di Commercio

Sala Stampa No Comments
confesercenti-campania:-dimissioni-di-7-consiglieri-della-camera-di-commercio

Dimissioni consiglieri Camera Commercio

Il Presidente Schiavo: “L’attuale gestione della CCIAA è fallimentare”

Confesercenti Campania dice la sua sulle dimissioni in blocco di 7 consiglieri di opposizione della Consiglio Camerale della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Napoli.
Vincenzo Schiavo, presidente di Confesercenti Campania e vicepresidente nazionale con delega al Mezzogiorno ha infatti sottolineato: «Ci rifiutiamo di accompagnare ancora un fallimento che fino ad oggi non ha mai sostenuto i bisogni delle imprese. Confesercenti ha deciso per questo di richiamare i propri rappresentanti presenti in consiglio, non condividendo la guida e l’attuale governance della Camera di Commercio che ha dimostrato in tutti i suoi componenti e in ogni momento di fallire ogni attività, dal momento che non ce n’è stata una a supporto delle imprese. Pensiamo che la gestione attuale della Camera di Commercio sia giunta al termine e il suo mandato esaurito. Secondo noi è necessario dare delle risposte più concrete ed efficaci alle imprese, fin qui non sostenute da soluzioni adeguate alle loro problematiche».

Si ricordi, infatti, che, come da comunicato congiunto diffuso dalle associazioni, Achille Capone, Paola Ciaramella, Alessandra Di Martino, Vincenzo Gargiulo, Ciro Russo, Pasquale Russo e Diego Vivarelli von Lobstein hanno rassegnato le loro dimissioni dal Consiglio Camerale della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Napoli.

Le dimissioni dei rappresentanti delle associazioni Ance Napoli, Claai Napoli, Cna Napoli, Confcommercio Campania, Confesercenti Napoli e Unione Industriali Napoli arrivano – si legge nella nota stampa congiunta delle sette associazioni – al termine del Consiglio Camerale convocato per oggi, su richiesta dei consiglieri dimissionari, durante il quale il Presidente Fiola avrebbe dovuto fornire chiarimenti sulla riscossione dei diritti camerali, la gestione dei fondi per l’innovazione e l’internazionalizzazione e precisazioni sulle criticità emerse negli ultimi bilanci relativamente ai rapporti tra la CCIAA e l’azienda speciale SI Impresa. Vista l’impossibilità di contribuire alle iniziative dell’Ente- si legge ancora nel comunicato – , all’assoluta mancanza di dialogo in seno al Consiglio Camerale e la mancanza di concertazione relativamente alle linee programmatiche della Camera di Commercio, i sette consiglieri hanno deciso di rassegnare le loro dimissioni, che si aggiungono a quelle protocollate di recente.

“Ho ripetutamente provato a stimolare la presidenza sui temi dell’innovazione e la digitalizzazione dei processi, ma non ho mai ricevuto attenzione dalla maggioranza” – ha affermato Paola Ciaramella, consigliera dimissionaria espressione di Confesercenti. “Abbiamo provato a discutere di cose concrete ma si è preferito usare i fondi della Camera per iniziative prive di respiro” aggiunge Ciaramella.

Il direttore della Confcommercio Campania, Pasquale Russo, sottolinea che “Negli ultimi anni la Presidenza Fiola ha depauperato il patrimonio della Camera di Commercio per realizzare iniziative che non hanno generato ricadute positive per lo sviluppo del territorio. A questo punto – conclude Russo – non possiamo continuare ad assistere ad una gestione connotata da sprechi e mancanza di visione per la crescita delle imprese”.

“L’attuale governance non ha realizzato iniziative in grado di difendere il grande patrimonio di conoscenza delle piccole e medie imprese napoletane. Le nostre aziende hanno bisogno di supporto e non di premiazioni e di una conduzione paternalistica dell’Ente camerale” – evidenzia Vincenzo Gargiulo, direttore della Cna Napoli.

Giulio Cacciapuoti, presidente di Cdo Campania, e Raffaele Marrone, presidente di Confapi Napoli, esprimono il loro sostegno all’iniziativa dei consiglieri dimissionari ed auspicano che la “Camera di Commercio torni ad essere governata in modo plurale, con la guida maestra della crescita e dello sviluppo delle imprese napoletane”.

Leggi le altre notizie Confesercenti dal territorio

L’articolo Confesercenti Campania: dimissioni di 7 consiglieri della Camera di Commercio proviene da Confesercenti Nazionale.

Editoria: Fenagi, bene impegno sottosegretario Barachini su bonus edicole, ma necessario confronto su proroga tax credit per rete di vendita

confesercenti No Comments

Informativa Privacy ai sensi del Regolamento Europeo n. 679 del 25/05/2016 (GDPR).

Si informa che: CONFESERCENTI NAZIONALE,  con sede legale in Via Nazionale 60, 00184 Roma, in persona del legale rappresentante, in qualità di Titolare del trattamento, tratta i Suoi dati personali, con strumenti manuali ed elettronici, per le seguenti finalità: a) per consentirle di navigare ed esplorare il sito web; b) per rispondere alle richieste informative da Lei inoltrate attraverso il form on line.

Il conferimento dei dati trattati per le predette finalità, è obbligatorio in quanto necessario per la navigazione del sito e per evadere la sua richiesta e non richiede il Suo specifico consenso.

I Suoi dati personali verranno conservati per il tempo strettamente necessario al raggiungimento delle finalità indicate e comunque per un periodo non superiore a 30 giorni dal conferimento.

Ambito di diffusione: I suoi dati potranno essere inviati ai destinatari o alle categorie di destinatari riportati di seguito: Tecnici o società del settore IT, addetti alla manutenzione del sito.
I Suoi Dati potranno essere inviati a soggetti dei quali Il Titolare si potrebbe avvalere per lo svolgimento di attività necessarie per il raggiungimento delle finalità sopra indicate, i quali sono stati appositamente nominati da quest’ultimo Responsabili del Trattamento dei dati.

Le sono riconosciuti i seguenti diritti: diritto di accesso ai dati personali che La riguardano; di conoscere le finalità e modalità del trattamento; di conoscere i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati; diritto di ottenere l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati; diritto di ottenere la limitazione di trattamento; diritto alla portabilità dei dati raccolti con il Suo consenso e trattati mediante strumenti elettronici; diritto di proporre reclamo all’Autorità di controllo.

L’esercizio dei diritti può essere esercitato scrivendo ai seguenti indirizzi di posta elettronica: [email protected] .

Il Titolare intende infine informarLa che ha provveduto a nominare un Data Protection Officer (DPO), al quale potrà rivolgersi per tutte le questioni relative al trattamento dei dati e all’esercizio dei Suoi diritti, e che potrà contattare al seguente indirizzo di posta elettronica dedicata: [email protected]

Si rimanda all’informativa completa sul trattamento dei dati personali visibile al link l’informativa sul trattamento dei dati personali

Confesercenti Ravenna: a Riolo Terme il Sindaco in ascolto del tessuto commerciale

confesercenti No Comments

Informativa Privacy ai sensi del Regolamento Europeo n. 679 del 25/05/2016 (GDPR).

Si informa che: CONFESERCENTI NAZIONALE,  con sede legale in Via Nazionale 60, 00184 Roma, in persona del legale rappresentante, in qualità di Titolare del trattamento, tratta i Suoi dati personali, con strumenti manuali ed elettronici, per le seguenti finalità: a) per consentirle di navigare ed esplorare il sito web; b) per rispondere alle richieste informative da Lei inoltrate attraverso il form on line.

Il conferimento dei dati trattati per le predette finalità, è obbligatorio in quanto necessario per la navigazione del sito e per evadere la sua richiesta e non richiede il Suo specifico consenso.

I Suoi dati personali verranno conservati per il tempo strettamente necessario al raggiungimento delle finalità indicate e comunque per un periodo non superiore a 30 giorni dal conferimento.

Ambito di diffusione: I suoi dati potranno essere inviati ai destinatari o alle categorie di destinatari riportati di seguito: Tecnici o società del settore IT, addetti alla manutenzione del sito.
I Suoi Dati potranno essere inviati a soggetti dei quali Il Titolare si potrebbe avvalere per lo svolgimento di attività necessarie per il raggiungimento delle finalità sopra indicate, i quali sono stati appositamente nominati da quest’ultimo Responsabili del Trattamento dei dati.

Le sono riconosciuti i seguenti diritti: diritto di accesso ai dati personali che La riguardano; di conoscere le finalità e modalità del trattamento; di conoscere i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati; diritto di ottenere l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati; diritto di ottenere la limitazione di trattamento; diritto alla portabilità dei dati raccolti con il Suo consenso e trattati mediante strumenti elettronici; diritto di proporre reclamo all’Autorità di controllo.

L’esercizio dei diritti può essere esercitato scrivendo ai seguenti indirizzi di posta elettronica: [email protected] .

Il Titolare intende infine informarLa che ha provveduto a nominare un Data Protection Officer (DPO), al quale potrà rivolgersi per tutte le questioni relative al trattamento dei dati e all’esercizio dei Suoi diritti, e che potrà contattare al seguente indirizzo di posta elettronica dedicata: [email protected]

Si rimanda all’informativa completa sul trattamento dei dati personali visibile al link l’informativa sul trattamento dei dati personali

Faib Confesercenti Modena: riduzione taglio delle accise carburanti

confesercenti No Comments

Informativa Privacy ai sensi del Regolamento Europeo n. 679 del 25/05/2016 (GDPR).

Si informa che: CONFESERCENTI NAZIONALE,  con sede legale in Via Nazionale 60, 00184 Roma, in persona del legale rappresentante, in qualità di Titolare del trattamento, tratta i Suoi dati personali, con strumenti manuali ed elettronici, per le seguenti finalità: a) per consentirle di navigare ed esplorare il sito web; b) per rispondere alle richieste informative da Lei inoltrate attraverso il form on line.

Il conferimento dei dati trattati per le predette finalità, è obbligatorio in quanto necessario per la navigazione del sito e per evadere la sua richiesta e non richiede il Suo specifico consenso.

I Suoi dati personali verranno conservati per il tempo strettamente necessario al raggiungimento delle finalità indicate e comunque per un periodo non superiore a 30 giorni dal conferimento.

Ambito di diffusione: I suoi dati potranno essere inviati ai destinatari o alle categorie di destinatari riportati di seguito: Tecnici o società del settore IT, addetti alla manutenzione del sito.
I Suoi Dati potranno essere inviati a soggetti dei quali Il Titolare si potrebbe avvalere per lo svolgimento di attività necessarie per il raggiungimento delle finalità sopra indicate, i quali sono stati appositamente nominati da quest’ultimo Responsabili del Trattamento dei dati.

Le sono riconosciuti i seguenti diritti: diritto di accesso ai dati personali che La riguardano; di conoscere le finalità e modalità del trattamento; di conoscere i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati; diritto di ottenere l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati; diritto di ottenere la limitazione di trattamento; diritto alla portabilità dei dati raccolti con il Suo consenso e trattati mediante strumenti elettronici; diritto di proporre reclamo all’Autorità di controllo.

L’esercizio dei diritti può essere esercitato scrivendo ai seguenti indirizzi di posta elettronica: [email protected] .

Il Titolare intende infine informarLa che ha provveduto a nominare un Data Protection Officer (DPO), al quale potrà rivolgersi per tutte le questioni relative al trattamento dei dati e all’esercizio dei Suoi diritti, e che potrà contattare al seguente indirizzo di posta elettronica dedicata: [email protected]

Si rimanda all’informativa completa sul trattamento dei dati personali visibile al link l’informativa sul trattamento dei dati personali

Confesercenti Pistoia: Alla scoperta di prodotti tipici pistoiesi e sonetti in vernacolo

confesercenti No Comments

Informativa Privacy ai sensi del Regolamento Europeo n. 679 del 25/05/2016 (GDPR).

Si informa che: CONFESERCENTI NAZIONALE,  con sede legale in Via Nazionale 60, 00184 Roma, in persona del legale rappresentante, in qualità di Titolare del trattamento, tratta i Suoi dati personali, con strumenti manuali ed elettronici, per le seguenti finalità: a) per consentirle di navigare ed esplorare il sito web; b) per rispondere alle richieste informative da Lei inoltrate attraverso il form on line.

Il conferimento dei dati trattati per le predette finalità, è obbligatorio in quanto necessario per la navigazione del sito e per evadere la sua richiesta e non richiede il Suo specifico consenso.

I Suoi dati personali verranno conservati per il tempo strettamente necessario al raggiungimento delle finalità indicate e comunque per un periodo non superiore a 30 giorni dal conferimento.

Ambito di diffusione: I suoi dati potranno essere inviati ai destinatari o alle categorie di destinatari riportati di seguito: Tecnici o società del settore IT, addetti alla manutenzione del sito.
I Suoi Dati potranno essere inviati a soggetti dei quali Il Titolare si potrebbe avvalere per lo svolgimento di attività necessarie per il raggiungimento delle finalità sopra indicate, i quali sono stati appositamente nominati da quest’ultimo Responsabili del Trattamento dei dati.

Le sono riconosciuti i seguenti diritti: diritto di accesso ai dati personali che La riguardano; di conoscere le finalità e modalità del trattamento; di conoscere i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati; diritto di ottenere l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati; diritto di ottenere la limitazione di trattamento; diritto alla portabilità dei dati raccolti con il Suo consenso e trattati mediante strumenti elettronici; diritto di proporre reclamo all’Autorità di controllo.

L’esercizio dei diritti può essere esercitato scrivendo ai seguenti indirizzi di posta elettronica: [email protected] .

Il Titolare intende infine informarLa che ha provveduto a nominare un Data Protection Officer (DPO), al quale potrà rivolgersi per tutte le questioni relative al trattamento dei dati e all’esercizio dei Suoi diritti, e che potrà contattare al seguente indirizzo di posta elettronica dedicata: [email protected]

Si rimanda all’informativa completa sul trattamento dei dati personali visibile al link l’informativa sul trattamento dei dati personali

Confesercenti Provinciale di Enna
Via Siracusa 13/Bis - 94100 Enna
Tel. 0935.24118
Fax 0935.633230
Cell. 335.7908427