notizie

Coronavirus, Bussoni: bozza Dpcm? Non ce l’aspettavamo così, ristorazione distrutta

confesercenti No Comments

Informativa Privacy ai sensi del Regolamento Europeo n. 679 del 25/05/2016 (GDPR).

Si informa che: CONFESERCENTI NAZIONALE,  con sede legale in Via Nazionale 60, 00184 Roma, in persona del legale rappresentante, in qualità di Titolare del trattamento, tratta i Suoi dati personali, con strumenti manuali ed elettronici, per le seguenti finalità: a) per consentirle di navigare ed esplorare il sito web; b) per rispondere alle richieste informative da Lei inoltrate attraverso il form on line.

Il conferimento dei dati trattati per le predette finalità, è obbligatorio in quanto necessario per la navigazione del sito e per evadere la sua richiesta e non richiede il Suo specifico consenso.

I Suoi dati personali verranno conservati per il tempo strettamente necessario al raggiungimento delle finalità indicate e comunque per un periodo non superiore a 30 giorni dal conferimento.

Ambito di diffusione: I suoi dati potranno essere inviati ai destinatari o alle categorie di destinatari riportati di seguito: Tecnici o società del settore IT, addetti alla manutenzione del sito.
I Suoi Dati potranno essere inviati a soggetti dei quali Il Titolare si potrebbe avvalere per lo svolgimento di attività necessarie per il raggiungimento delle finalità sopra indicate, i quali sono stati appositamente nominati da quest’ultimo Responsabili del Trattamento dei dati.

Le sono riconosciuti i seguenti diritti: diritto di accesso ai dati personali che La riguardano; di conoscere le finalità e modalità del trattamento; di conoscere i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati; diritto di ottenere l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati; diritto di ottenere la limitazione di trattamento; diritto alla portabilità dei dati raccolti con il Suo consenso e trattati mediante strumenti elettronici; diritto di proporre reclamo all’Autorità di controllo.

L’esercizio dei diritti può essere esercitato scrivendo ai seguenti indirizzi di posta elettronica: privacy@confesercenti.it .

Il Titolare intende infine informarLa che ha provveduto a nominare un Data Protection Officer (DPO), al quale potrà rivolgersi per tutte le questioni relative al trattamento dei dati e all’esercizio dei Suoi diritti, e che potrà contattare al seguente indirizzo di posta elettronica dedicata: dpo@confesercenti.it

Si rimanda all’informativa completa sul trattamento dei dati personali visibile al link l’informativa sul trattamento dei dati personali

Confesercenti: a rischio altri 5,8 miliardi di consumi, così nel 2020 chiuderanno 100mila attività

confesercenti No Comments

Informativa Privacy ai sensi del Regolamento Europeo n. 679 del 25/05/2016 (GDPR).

Si informa che: CONFESERCENTI NAZIONALE,  con sede legale in Via Nazionale 60, 00184 Roma, in persona del legale rappresentante, in qualità di Titolare del trattamento, tratta i Suoi dati personali, con strumenti manuali ed elettronici, per le seguenti finalità: a) per consentirle di navigare ed esplorare il sito web; b) per rispondere alle richieste informative da Lei inoltrate attraverso il form on line.

Il conferimento dei dati trattati per le predette finalità, è obbligatorio in quanto necessario per la navigazione del sito e per evadere la sua richiesta e non richiede il Suo specifico consenso.

I Suoi dati personali verranno conservati per il tempo strettamente necessario al raggiungimento delle finalità indicate e comunque per un periodo non superiore a 30 giorni dal conferimento.

Ambito di diffusione: I suoi dati potranno essere inviati ai destinatari o alle categorie di destinatari riportati di seguito: Tecnici o società del settore IT, addetti alla manutenzione del sito.
I Suoi Dati potranno essere inviati a soggetti dei quali Il Titolare si potrebbe avvalere per lo svolgimento di attività necessarie per il raggiungimento delle finalità sopra indicate, i quali sono stati appositamente nominati da quest’ultimo Responsabili del Trattamento dei dati.

Le sono riconosciuti i seguenti diritti: diritto di accesso ai dati personali che La riguardano; di conoscere le finalità e modalità del trattamento; di conoscere i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati; diritto di ottenere l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati; diritto di ottenere la limitazione di trattamento; diritto alla portabilità dei dati raccolti con il Suo consenso e trattati mediante strumenti elettronici; diritto di proporre reclamo all’Autorità di controllo.

L’esercizio dei diritti può essere esercitato scrivendo ai seguenti indirizzi di posta elettronica: privacy@confesercenti.it .

Il Titolare intende infine informarLa che ha provveduto a nominare un Data Protection Officer (DPO), al quale potrà rivolgersi per tutte le questioni relative al trattamento dei dati e all’esercizio dei Suoi diritti, e che potrà contattare al seguente indirizzo di posta elettronica dedicata: dpo@confesercenti.it

Si rimanda all’informativa completa sul trattamento dei dati personali visibile al link l’informativa sul trattamento dei dati personali

Confesercenti Campania, Federnoleggio in protesta: il 28 lo stato di agitazione, le imprese sono allo stremo

Sala Stampa No Comments
confesercenti-campania,-federnoleggio-in-protesta:-il-28-lo-stato-di-agitazione,-le-imprese-sono-allo-stremo

Il presidente  Schiavo: “La situazione è insostenibile, le aziende di trasporto vicine al fallimento con i blocchi e senza turismo”

 

«Il settore trasporti della Campania è nel baratro»: con questo grido d’allarme Federnoleggio, categoria di Confesercenti Campania, ha proclamato per il 28 ottobre lo “stato di agitazione”.

«Confesercenti Campania – dice il presidente Vincenzo Schiavo – sostiene in pieno le ragioni di una delle tante categorie che rappresentiamo e che è tra quelle più colpite dagli effetti del lockdown e dei blocchi economici. Appoggiamo l’iniziativa organizzata dal Coordinatore Gennaro Lametta e dal presidente Antonio Paone, saremo al  fianco dei tanti nostri associati, li sosterremo nella battaglia per avere risposte immediate e concrete sia dal Governo Nazionale che dalla Regione Campania. Le aziende del trasporto nel turismo sono al collasso, stanno fallendo. Il turismo non c’è più nella nostra regione, non bastassero le problematiche per gli effetti del Covid 19 ci sono anche pagamenti insoluti con fornitori e finanziarie a cui non possono far fronte. Per esempio molte aziende hanno comprato nuovi autobus e continuano a pagare interessi sull’acquisto pure avendo le vetture ferme nei garage perché senza lavoro. Diventa per loro un insostenibile, peraltro il blocco interprovinciale impedisce loro anche di organizzare, ad esempio, anche solo una gita da Napoli a Montevergine».

Di rimando il Coordinatore Regionh ale di Federnoleggio Gennaro Lametta: «Le imprese sono allo stremo e non più controllabili , abbiamo bisogno di interventi mirati e concreti . L’industria del turismo è crollata e con se tutte quelle attività ad essa legate . Non possiamo più aspettare anche perché le istituzioni ci stanno solo prendendo in giro , soprattutto sulla possibilità di affiancamento al Tpl. Fiumi di soldi stanno arrivando alle aziende di trasporto pubblico ma nemmeno un euro utilizzato per l’utilizzo dei bus turistici in supporto alle linee esistenti . Non possiamo più frenare la disperazione di imprenditori che stanno vedendo le loro attività andare in fumo . L’effetto domino è alle porte il fallimento di queste aziende porterà inevitabilmente al default anche società finanziarie che hanno prestato i loro soldi per l’acquisto di bus e vetture con standard qualitativi e di sicurezza sempre più all’avanguardia , lo stesso accadrà per le aziende costruttrici e riparatori in genere , insomma un vero e proprio sterminio».

Lametta indica anche le soluzioni possibili:  «Per evitare tutto ciò c’è bisogno di un sostegno economico importante ed una cristallizzazione delle scadenze fiscali. Un anno bianco, insomma, che consenta a tutti di essere traghettati fuori dal crisi. Il 28 siamo pronti anche a piazzare tende e a dormire nei sacchi a pelo se non avremo le risposte che ci aspettiamo».

Confesercenti Modena, Anva: “Bene l’annullamento del mercato di Forte dei Marmi che era in programma a Mirandola”

Sala Stampa No Comments
confesercenti-modena,-anva:-“bene-l’annullamento-del-mercato-di-forte-dei-marmi-che-era-in-programma-a-mirandola”

L’Associazione: “Il Decreto del 18 ottobre vieta fiere locali e sagre: gli ambulanti da Forte non rientrano tra quelli autorizzabili secondo le limitazioni in corso”

 

“Non era ammissibile che domenica 25 ottobre a Mirandola fosse in programma un mercato con gli ambulanti di Forte dei Marmi dato che non può essere definito tale, perché è un mercato che nulla ha a che fare con i mercati con concessione decennale come i nostri ambulanti. Sono piuttosto assimilabili a una fiera locale – spiega Alberto Guaitoli, Presidente Anva Confesercenti Modena – E le ultime restrizioni in vigore vietano sagre e fiere locali. Per questo siamo molto soddisfatti che sia stato annullato”.

Quello di Forte dei Marmi non si può infatti configurare come mercato, ma come fiera locale di consorzi in arrivo dalla Toscana che spesso, tra l’altro, hanno ben poco a che fare con la rinomata località della Versilia. “Avevamo manifestato la nostra contrarietà – prosegue Guaitoli – e siamo molto soddisfatti che il sindaco abbia annullato la manifestazione, che avrebbe anche penalizza gli operatori locali a vantaggio di non meglio precisati consorzi in arrivo da fuori regione, e che non sarebbe neppure regolare secondo le ultime restrizioni in vigore dal 18 ottobre. Il nostro non era un capriccio, ma un preciso richiamo al rispetto delle regole”, conclude il Presidente Provinciale.

Ancora una volta è stato messo a dura prova dall’emergenza sanitaria il settore del commercio su area pubblica e delle partite IVA, già gravemente penalizzato dal lockdown, ma gli ultimi provvedimenti che vietano sagre e feste, parlano chiaro.

Fiba Confesercenti: inaccettabile ricorso dell’Antitrust contro la determina del Comune di Piombino sull’estensione delle concessioni demaniali

confesercenti No Comments
fiba-confesercenti:-inaccettabile-ricorso-dell’antitrust-contro-la-determina-del-comune-di-piombino-sull’estensione-delle-concessioni-demaniali

Il presidente Rustignoli: situazione paradossale

Per i balneari la decisione dell’Antitrust di fare ricorso al Tar della Toscana contro il Comune di Piombino che ha esteso, secondo i termini di legge, la proroga dell’estensione delle concessioni demaniali è inaccettabile.

“La situazione paradossale emersa a Piombino – afferma Maurizio Rustignoli, presidente di FIBA, l’associazione delle imprese balneari Confesercenti – in riferimento all’estensione della durata dei titoli concessori sui beni demaniali marittimi ci porta ad alcune doverose riflessioni. Partiamo dal fare chiarezza: il Comune di Piombino non ha fatto altro che riconoscere l’estensione della durata dei titoli concessori fino al 31 dicembre 2033, come prevede la legge n. 145/2018, che non lascia spazio ad interpretazioni diverse”. 

“La legge – prosegue il presidente –  pone le fondamenta di un percorso legislativo di riordino delle concessioni demaniali marittime non più prorogabile, che prevede successivi provvedimenti che dovranno trattare, tra le altre cose, temi come la mappatura del litorale, l’individuazione della tipologia e del numero di concessioni attualmente vigenti nonché delle aree libere e concedibili, la ricognizione degli investimenti effettuati nell’ambito delle concessioni stesse e delle tempistiche di ammortamento connesse, per poi individuare i criteri per strutturare  un nuovo modello di gestione delle imprese turistico-ricreative e ricettive che operano sul demanio marittimo e pervenire all’individuazione di criteri di gestione, modalità di rilascio e termini di durata delle concessioni. Fino a quel momento, sulla base di quanto previsto dalla legge, i titolari delle concessioni possono vantare più che un’aspettativa in relazione al prolungamento della durata dei propri titoli, essendogli riconosciuto un vero e proprio diritto alla conferma delle concessioni fino al dicembre 2033”. 

“Per quanto ci riguarda, riteniamo che la partita sia da ritenersi chiusa – conclude Rustignoli – fino a quando la legge dello Stato non sia posta in dubbio da interventi di livello superiore. Riteniamo che il dibattito in corso sul territorio sia basato solo su un tentativo prettamente speculativo/economico fatto a discapito degli attuali concessionari e quindi da ritenersi sterile, se qualcuno pensa di espropriarli per favorire gruppi di investimento o altri soggetti non ben determinati. È bene ricordare che le leggi dello Stato sono alla base della democrazia e della legalità. FIBA Confesercenti si attiverà dunque a tutti i livelli al fine di fare chiarezza sulla questione”.

Chieti, pubblici esercizi: Confesercenti e Confcommercio da Prefetto e Questore: “Imprese corrette, combattiamo la stessa battaglia per la salute di tutti”

Sala Stampa No Comments
chieti,-pubblici-esercizi:-confesercenti-e-confcommercio-da-prefetto-e-questore:-“imprese-corrette,-combattiamo-la-stessa-battaglia-per-la-salute-di-tutti”

Le due Associazioni: “Abbiamo rappresentato tutte le difficoltà che attraversano le piccole imprese del territorio e le preoccupazioni per il prossimo futuro”

“Le imprese di questo territorio si stanno comportando in maniera molto corretta, e questo atteggiamento è stato riconosciuto anche dalle istituzioni. Stiamo combattendo la stessa battaglia ed ora che siamo entrati nella fase più critica occorre stringere una forte collaborazione per tutelare la salute di tutti ed evitare la chiusura degli esercizi”. Lo hanno affermato il direttore regionale di Confesercenti Lido Legnini e la presidente comunale Marina De Marco, in sostituzione del presidente provinciale Franco Menna fuori città, assieme alla presidente provinciale di Confcommercio Marisa Tiberio, uscendo dall’incontro con il prefetto ed il questore di Chieti in un vertice convocato per fare il punto sulla situazione sulla crisi Covid, in particolare sui riflessi per quanto attiene i settori commercio, turismo e servizi.

“Abbiamo rappresentato tutte le difficoltà che attraversano le piccole imprese del territorio e le preoccupazioni per il prossimo futuro – spiegano Legnini, De Marco e Tiberio – una situazione molto complessa che con questa nuova ondata rischia di diventare letale per tantissime imprese che già prima del coronavirus erano in enorme difficoltà. Prefetto e Questore hanno voluto sottolineare come da controlli effettuati e dal monitoraggio che hanno dal loro osservatorio, gli esercenti di questa provincia stiano rispettando le norme in vigore e anzi siano proprio loro in prima persona a chiederne il rispetto ai propri clienti.

Questi complimenti, che vanno chiaramente alle categorie che rappresentiamo, ci fanno enormemente piacere. D’altronde – concludono i dirigenti di Confesercenti e Confcommercio – c’é la prova concreta che attualmente la nostra provincia è fra quelle con i numeri di contagi più bassi in Italia. L’auspicio è che si continui in questo modo così da tenere bassa la curva e uscire da questa empasse il più presto possibile. E in questa fase così delicata più puntuale sarà il rispetto delle norme, più serena sarà l’attività degli esercizi pubblici e dei loro clienti”.

Assofioristi: limitazione partecipanti a cerimonie altro duro colpo per il settore

confesercenti No Comments
assofioristi:-limitazione-partecipanti-a-cerimonie-altro-duro-colpo-per-il-settore

No a ulteriori restrizioni in concomitanza con ricorrenza defunti

“La misura introdotta nel Dpcm dello scorso 13 ottobre, per il contenimento del coronavirus, che consente la celebrazione di cerimonie civili e religiose con un massimo di 30 invitati, ha dato l’ennesimo duro colpo al florovivaismo che ancora non si è ripreso dal lockdown. Noi siamo i primi ad aver a cuore la salute e la tutela delle persone, ma le nostre imprese hanno più volte dimostrato come si possa conciliare sicurezza e lavoro”.

Così Assofioristi Confesercenti in una nota.

Durante il lockdown – spiega l’associazione – molti fiorai sono stati costretti a mandare al macero piante e fiori che avevano in magazzino, con un danno quantificabile in circa 200 milioni di euro di fatturato perso e oltre alla concorrenza degli abusivi hanno vissuto quella di iper e super mercati, molti dei quali hanno venduto fiori nel periodo in cui i negozi di settore erano stati chiusi. La limitazione del numero di partecipanti a matrimoni, battesimi, comunioni e cresime sta portando all’annullamento di molte cerimonie, con perdite notevoli non solo per il nostro settore, ma per tutto il comparto degli eventi, praticamente fermo da marzo e che costituisce un segmento di mercato molto significativo.

“Quello che ci auguriamo – sottolinea il Responsabile nazionale di Assofioristi Ignazio Ferrante – è che i prossimi provvedimenti tengano conto degli sforzi fatti dalle imprese che collaborano alla realizzazione degli eventi, che stanno operando con serietà e nel rispetto della normativa anti Covid. Ci mobiliteremo presso le Istituzioni, chiedendo di scongiurare altre restrizioni che darebbero il colpo di grazia al nostro settore, come ad altri, dimostrando come si stiano adottando tutti i presidi richiesti”.

“Speriamo soprattutto che non ci siano nuove limitazioni – conclude Ferrante – in occasione della ricorrenza dei Defunti, data molto importante per tutti e per il nostro settore in particolare. Noi ci impegneremo al massimo con la serietà e la correttezza che ci ha sempre contraddistinto. E’ necessario, oggi più che mai, capire come non fermare il Paese, tutelando la salute dei cittadini che resta la priorità per tutti”.

Confesercenti Centro Abruzzo, Sulmona: pedonalizzazione del centro storico

confesercenti No Comments

Informativa Privacy ai sensi del Regolamento Europeo n. 679 del 25/05/2016 (GDPR).

Si informa che: CONFESERCENTI NAZIONALE,  con sede legale in Via Nazionale 60, 00184 Roma, in persona del legale rappresentante, in qualità di Titolare del trattamento, tratta i Suoi dati personali, con strumenti manuali ed elettronici, per le seguenti finalità: a) per consentirle di navigare ed esplorare il sito web; b) per rispondere alle richieste informative da Lei inoltrate attraverso il form on line.

Il conferimento dei dati trattati per le predette finalità, è obbligatorio in quanto necessario per la navigazione del sito e per evadere la sua richiesta e non richiede il Suo specifico consenso.

I Suoi dati personali verranno conservati per il tempo strettamente necessario al raggiungimento delle finalità indicate e comunque per un periodo non superiore a 30 giorni dal conferimento.

Ambito di diffusione: I suoi dati potranno essere inviati ai destinatari o alle categorie di destinatari riportati di seguito: Tecnici o società del settore IT, addetti alla manutenzione del sito.
I Suoi Dati potranno essere inviati a soggetti dei quali Il Titolare si potrebbe avvalere per lo svolgimento di attività necessarie per il raggiungimento delle finalità sopra indicate, i quali sono stati appositamente nominati da quest’ultimo Responsabili del Trattamento dei dati.

Le sono riconosciuti i seguenti diritti: diritto di accesso ai dati personali che La riguardano; di conoscere le finalità e modalità del trattamento; di conoscere i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati; diritto di ottenere l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati; diritto di ottenere la limitazione di trattamento; diritto alla portabilità dei dati raccolti con il Suo consenso e trattati mediante strumenti elettronici; diritto di proporre reclamo all’Autorità di controllo.

L’esercizio dei diritti può essere esercitato scrivendo ai seguenti indirizzi di posta elettronica: privacy@confesercenti.it .

Il Titolare intende infine informarLa che ha provveduto a nominare un Data Protection Officer (DPO), al quale potrà rivolgersi per tutte le questioni relative al trattamento dei dati e all’esercizio dei Suoi diritti, e che potrà contattare al seguente indirizzo di posta elettronica dedicata: dpo@confesercenti.it

Si rimanda all’informativa completa sul trattamento dei dati personali visibile al link l’informativa sul trattamento dei dati personali

Confesercenti Campania, Federnoleggio in protesta: il 28 lo stato di agitazione, le imprese sono allo stremo

confesercenti No Comments

Informativa Privacy ai sensi del Regolamento Europeo n. 679 del 25/05/2016 (GDPR).

Si informa che: CONFESERCENTI NAZIONALE,  con sede legale in Via Nazionale 60, 00184 Roma, in persona del legale rappresentante, in qualità di Titolare del trattamento, tratta i Suoi dati personali, con strumenti manuali ed elettronici, per le seguenti finalità: a) per consentirle di navigare ed esplorare il sito web; b) per rispondere alle richieste informative da Lei inoltrate attraverso il form on line.

Il conferimento dei dati trattati per le predette finalità, è obbligatorio in quanto necessario per la navigazione del sito e per evadere la sua richiesta e non richiede il Suo specifico consenso.

I Suoi dati personali verranno conservati per il tempo strettamente necessario al raggiungimento delle finalità indicate e comunque per un periodo non superiore a 30 giorni dal conferimento.

Ambito di diffusione: I suoi dati potranno essere inviati ai destinatari o alle categorie di destinatari riportati di seguito: Tecnici o società del settore IT, addetti alla manutenzione del sito.
I Suoi Dati potranno essere inviati a soggetti dei quali Il Titolare si potrebbe avvalere per lo svolgimento di attività necessarie per il raggiungimento delle finalità sopra indicate, i quali sono stati appositamente nominati da quest’ultimo Responsabili del Trattamento dei dati.

Le sono riconosciuti i seguenti diritti: diritto di accesso ai dati personali che La riguardano; di conoscere le finalità e modalità del trattamento; di conoscere i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati; diritto di ottenere l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati; diritto di ottenere la limitazione di trattamento; diritto alla portabilità dei dati raccolti con il Suo consenso e trattati mediante strumenti elettronici; diritto di proporre reclamo all’Autorità di controllo.

L’esercizio dei diritti può essere esercitato scrivendo ai seguenti indirizzi di posta elettronica: privacy@confesercenti.it .

Il Titolare intende infine informarLa che ha provveduto a nominare un Data Protection Officer (DPO), al quale potrà rivolgersi per tutte le questioni relative al trattamento dei dati e all’esercizio dei Suoi diritti, e che potrà contattare al seguente indirizzo di posta elettronica dedicata: dpo@confesercenti.it

Si rimanda all’informativa completa sul trattamento dei dati personali visibile al link l’informativa sul trattamento dei dati personali

Confesercenti Modena, Anva: “Bene l’annullamento del mercato di Forte dei Marmi che era in programma a Mirandola”

confesercenti No Comments

Informativa Privacy ai sensi del Regolamento Europeo n. 679 del 25/05/2016 (GDPR).

Si informa che: CONFESERCENTI NAZIONALE,  con sede legale in Via Nazionale 60, 00184 Roma, in persona del legale rappresentante, in qualità di Titolare del trattamento, tratta i Suoi dati personali, con strumenti manuali ed elettronici, per le seguenti finalità: a) per consentirle di navigare ed esplorare il sito web; b) per rispondere alle richieste informative da Lei inoltrate attraverso il form on line.

Il conferimento dei dati trattati per le predette finalità, è obbligatorio in quanto necessario per la navigazione del sito e per evadere la sua richiesta e non richiede il Suo specifico consenso.

I Suoi dati personali verranno conservati per il tempo strettamente necessario al raggiungimento delle finalità indicate e comunque per un periodo non superiore a 30 giorni dal conferimento.

Ambito di diffusione: I suoi dati potranno essere inviati ai destinatari o alle categorie di destinatari riportati di seguito: Tecnici o società del settore IT, addetti alla manutenzione del sito.
I Suoi Dati potranno essere inviati a soggetti dei quali Il Titolare si potrebbe avvalere per lo svolgimento di attività necessarie per il raggiungimento delle finalità sopra indicate, i quali sono stati appositamente nominati da quest’ultimo Responsabili del Trattamento dei dati.

Le sono riconosciuti i seguenti diritti: diritto di accesso ai dati personali che La riguardano; di conoscere le finalità e modalità del trattamento; di conoscere i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati; diritto di ottenere l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati; diritto di ottenere la limitazione di trattamento; diritto alla portabilità dei dati raccolti con il Suo consenso e trattati mediante strumenti elettronici; diritto di proporre reclamo all’Autorità di controllo.

L’esercizio dei diritti può essere esercitato scrivendo ai seguenti indirizzi di posta elettronica: privacy@confesercenti.it .

Il Titolare intende infine informarLa che ha provveduto a nominare un Data Protection Officer (DPO), al quale potrà rivolgersi per tutte le questioni relative al trattamento dei dati e all’esercizio dei Suoi diritti, e che potrà contattare al seguente indirizzo di posta elettronica dedicata: dpo@confesercenti.it

Si rimanda all’informativa completa sul trattamento dei dati personali visibile al link l’informativa sul trattamento dei dati personali