Dal Territorio

Confesercenti Lombardia: blocchi del traffico, slitta il fermo per gli Euro 4 diesel

confesercenti No Comments
confesercenti-lombardia:-blocchi-del-traffico,-slitta-il-fermo-per-gli-euro-4-diesel

Il Presidente Rebecchi: “Non possiamo che condividere questa scelta, evidenziamo, però, l’esigenza di stanziare quanto prima nuovi incentivi regionali”

L’Assessore lombardo all’Ambiente, Raffaele Cattaneo ha ribadito al “Tavolo Aria” della Regione la volontà di posticipare il blocco diurno infrasettimanale dei veicoli Euro 4 Diesel ed Euro 1 Benzina originariamente previsti per Ottobre 2020 a un’ancora non precisata data del Gennaio 2021, non escludendo ulteriori posticipazioni nel caso in cui emergessero nuove difficoltà nei mesi a venire. L’Assessore ha inoltre auspicato l’effettiva erogazione delle risorse già assegnate dal Governo alla Lombardia per finanziare nuovi incentivi per la sostituzione dei veicoli più obsoleti, anche da parte delle imprese.

«Non possiamo che condividere questa scelta» dichiara Gianni Rebecchi, Presidente di Confesercenti regionale Lombardia «essendo evidente che la crisi economica innescata dal Corona Virus renda opportuna una revisione delle tempistiche precedentemente previste per il rinnovo del parco veicoli, alla luce della grande difficoltà vissuta dalle imprese lombarde, in particolare nei settori del commercio, del turismo e, più in generale, del terziario».

«Confidiamo che nei prossimi mesi il tavolo aria sia riconvocato per poter valutare l’effettivo andamento della situazione» riprende Rebecchi, «evidenziando in ogni caso l’esigenza di stanziare quanto prima nuove risorse per agevolare la sostituzione dei veicoli più obsoleti da parte delle imprese lombarde».

Confesercenti Modena per le PMI: il contributo sull’impresa digitale nel 2020 al Modena Smart Life

confesercenti No Comments
confesercenti-modena-per-le-pmi:-il-contributo-sull’impresa-digitale-nel-2020-al-modena-smart-life

Ritornano gli appuntamenti del Digital Innovation Hub al Festival sul digitale: le novità che rendono sempre più digital oriented e competitive le imprese

Ritornano gli appuntamenti del Digital Innovation Hub di Confesercenti Modena al Festival sul digitale. Due iniziative, il 22 e 24 settembre – rivolte agli operatori del commercio, della ristorazione e ai professionisti – finalizzate a illustrare i cambiamenti che hanno investito le imprese nei mesi della pandemia. Si discuterà anche delle novità che le rendono sempre più digital oriented e competitive nel contesto socio-economico attuale

Investire nella digitalizzazione delle imprese in questo singolare momento storico assume un’importanza strategica per il futuro delle attività economiche. Sebbene in tempi di crisi si tenda a ridurre gli investimenti destinati al marketing digitale, i nuovi scenari aperti dalla pandemia richiedono azioni sempre più smart per raggiungere la visibilità necessaria, ottimizzare il rapporto col consumatore finale, fidelizzare la clientela e continuare a fare rete, in un’impresa sempre più digitale. Ne è convinta Confesercenti Modena che, in occasione della quinta edizione di Modena Smart Life tramite il suo Digital Innovation Hub – sportello digitale di Confesercenti al servizio delle piccole, piccolissime e medie imprese – ha organizzato due iniziative: il digital speach Nuove customer experience martedì 22 settembre e la live conference Accelerazione Digitale giovedì 24 settembre, sempre all’insegna del payoff “Innova la vendita, fai la differenza!”.

“Network, vivere connessi” è invece il tema del Modena Smart Life di quest’anno e anche del focus del DIH Confesercenti Modena: “Economia reale contro economia virtuale? Noi riteniamo di no: la vera sfida è coniugare l’una all’altra, contaminazione necessaria per affrontare la trasformazione del mondo dell’impresa e del lavoro, della quale la pandemia ha vertiginosamente accelerato i tempi – fa notare Marvj Rosselli, Direttore Provinciale Confesercenti Modena – Questo comporta un lavoro continuo di supporto alle imprese, per assisterle nel percorso di necessaria evoluzione. Abbiamo rafforzato la nostra mission: fare rete d’impresa, vivendo questi mesi virtualmente connessi agli associati. Tutti noi abbiamo sperimentato l’importanza del digitale nell’essere rapidamente ed efficacemente connessi: distanti ma “vicini”. La rete è quindi un’opportunità e la grande sfida per il futuro. Confesercenti è al fianco delle imprese al fine di potenziarne visibilità e competitività, fornendo consulenza e strumenti indispensabili”.

II digital speach di martedì 22, della durata di circa un’ora, si terrà in collegamento sulla piattaforma GoToMeeting a partire dalle ore 16:30. “Nuove customer experiences. Come sono cambiate accoglienza e servizio al cliente”: un’intervista condotta da Nicoletta Polliotto – digital food and tourism marketer – a quattro imprenditori modenesi come Wainer Pacchioni del settore retail food, Paola Poletti, retail non food, Gabriella Gibertini, settore turismo e Loris Monzoni settore wellness, introdotti da Rosanna Spinelli (coordinatrice del Digital Innovation Hub Confesercenti). Quattro testimonianze di come, nei mesi segnati dall’emergenza sanitaria Covid 19, imprese appartenenti a settori differenti abbiano vissuto il cambiamento organizzativo e di gestione delle attività (info e iscrizioni https://bit.ly/3hWqkb1).

Giovedì, 24 invece, presso la sede provinciale dell’Associazione, a partire dalle ore 15.00 avrà luogo la live conference “Accelerazione digitale. La trasformazione digitale delle PMI di commercio turismo e servizi per gestire l’emergenza Covid-19”: quattro esperti si rivolgeranno agli imprenditori. Matteo Orlandi, docente e consulente per l’innovazione delle attività locali; Luca Bove, esperto Google My Business e fondatore di Local Strategy; Elisabetta Saorin, content marketing manager Omniaweb Italia e Nicoletta Polliotto, digital food and tourism marketer, trasferiranno alle aziende partecipanti le “buone pratiche” per affrontare al meglio l’accelerazione digitale nell’era del Covid-19.

Si potrà assistere all’evento in presenza, con accesso limitato presso l’auditorium, oppure in collegamento dal proprio computer o smartphone; in entrambi i casi è richiesta l’iscrizione al link: https://bit.ly/2EUlfll.

La partecipazione ai due eventi è gratuita, previa registrazione ai rispettivi link.

Info: Dr.ssa R. Spinelli tel 059/892622 – dih@confesercentimodena.it

Confesercenti Milano: Cesare Marinoni entra in Assopanificatori

confesercenti No Comments
confesercenti-milano:-cesare-marinoni-entra-in-assopanificatori

Marinoni si occuperà di coordinare lo sviluppo associativo sul territorio meneghino: “Voglio dare un nuovo lustro all’immagine pubblica del panificatore”

Milanese di nascita, classe 1965, figlio di Antonio Marinoni, che ricoprì il ruolo di Presidente mondiale dei panificatori.

Marinoni, da sempre attivo a tutela dell’arte panaria in qualsiasi sua ramificazione, ha inoltre ridato luce all’iniziativa “Pane in Piazza”, invenzione del Padre.

Si occuperà di coordinare lo sviluppo associativo sul territorio meneghino, supportato dalla struttura Confesercenti Milano.

«Vogliamo dare nuovo lustro all’immagine pubblica del panificatore, rendendo giustizia all’importanza di questa storica figura» – ha affermato Marinoni.

Confesercenti Verona, “Le Piazze dei Sapori”: obiettivo raggiunto: agganciato il turismo di prossimità, quasi 70 mila le visite

confesercenti No Comments
confesercenti-verona,-“le-piazze-dei-sapori”:-obiettivo-raggiunto:-agganciato-il-turismo-di-prossimita,-quasi-70-mila-le-visite

Bilancio positivo per la 18ª edizione della manifestazione enogastronomica, tanti turisti stranieri ma anche visitatori italiani alla scoperta di vini e piatti tipici

Bilancio positivo per la diciottesima edizione de Le Piazze dei Sapori, la manifestazione enogastronomica organizzata da Confesercenti Verona con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, dall’Ente Nazionale del Turismo Italiano ENIT, dalla Regione Veneto, Provincia di Verona e Comune di Verona con il contributo della Camera di Commercio di Verona in piazza Bra dal 10 al 13 settembre.

Nel pieno rispetto delle normative di prevenzione del Covid19, gli oltre 50 operatori, provenienti da tutta Italia, hanno proposto le eccellenze alimentari di ciascuna regione al folto pubblico che ha molto apprezzato il ritorno in piazza Bra di questa kermesse.

«Considerando la situazione, possiamo dirci assolutamente soddisfatti, – sostiene Alessandro Torluccio, coordinatore dell’evento e direttore generale di Confesercenti Verona – Le Piazze dei Sapori ha confermato la sua capacità di attirare l’attenzione del pubblico, quasi 70 mila le visite. Si sono rivisti i turisti ma, la novità di quest’anno è quella del turismo di prossimità. Tante infatti sono le presenze di visitatori italiani provenienti soprattutto dalle regioni limitrofe. Nella quattro giorni della rassegna, infatti, sono aumentate rispetto al passato le presenze dei turisti italiani, alla scoperta delle eccellenze alimentari, dei migliori vini e dei piatti tipici regionali italiani. Sempre di più sistema con il territorio, grazie alla collaborazione con Coldiretti per la promozione dei prodotti della Lessinia e in partecipazione con la Comunità Montana. Ma il risvolto positivo c’è stato anche per le attività del Liston, i tavolini nel weekend sono stati presi d’assalto dai visitatori, questa è la conferma che eventi di rilievo fanno bene al tessuto economico della nostra città»

«Questa è stata un’edizione particolare, – aggiunge Paolo Bissoli, presidente di Confesercenti Verona – i nostri sforzi per implementare le misure di prevenzione del Covid19, ma anche il bel tempo hanno contribuito al successo di questa diciottesima edizione. Volevamo ringraziare in particolar modo l’amministrazione comunale di Verona, gli operatori che continuano a credere in questa manifestazione e tutte le persone che a vario titolo hanno portato il loro contribuito alla riuscita di questo importante evento».

«Dai dati in nostro possesso, nei quattro giorni della rassegna, lo stand di promozione dei ristoranti tipici con la mescita del vino del Consorzio del Custoza accompagnato dalle bruschette con l’olio dei Frantoi Redoro ha servito quasi duemila calici e consegnato oltre 1500 brochure informative sui ristoranti riconosciuti dal Comune di Verona. Importante anche la cifra che Confesercenti riconoscerà al Comune di Verona per la loro valorizzazione, oltre duemila euro» afferma dall’ufficio eventi di Confesercenti Fabio Vecchia.

A conferma del ruolo chiave che riveste a livello nazionale, Le Piazze dei Sapori ha visto la partecipazione, tra gli altri, anche del Presidente della Camera, Roberto Fico, il quale venerdì mattina ha passato in rassegna la manifestazione accompagnato dal Sindaco di Verona Federico Sboarina.

“Nonostante le difficoltà del momento – dichiara il sindaco Sboarina –, la manifestazione ‘Le Piazze dei Sapori’, con le sue quasi 70 mila visite in quattro giornate di attività, si conferma un appuntamento consolidato. Negli ultimi mesi i comparti economici e turistici della città hanno sofferto molto, prima per il lockdown con le sue pesanti ripercussioni, di recente con i danni causati dal forte maltempo. E’ stato bello ed importante vedere piazza Bra di nuovo piena di gente. Il mio impegno come sindaco è rivolto a creare le condizioni per far crescere la presenza di veronesi e turisti e, con essi, gli indotti economici delle tante attività commerciali della città”.

“Dopo i mesi difficili che abbiamo vissuto e le difficoltà economiche di questa nuova fase di ripartenza – sottolinea l’assessore al Commercio Nicolò Zavarise – la positiva riuscita della manifestazione, anche grazie al suo ritorno in Piazza Bra, è un risultato importante, che ha portato un sicuro indotto e grande visibilità alle tante eccellenze enogastronomiche locali e nazionali intervenute. L’obiettivo della manifestazione è proprio quello di valorizzare i nostri prodotti, quelli che ci rendono famosi in tutto il mondo, e dare alle aziende, ai ristoranti e alle realtà del settore enogastronomico una vetrina nel cuore di Verona”.

Grazie alla collaborazione con Verona Social capitanata da Alex Camara, si è parlato molto di Verona online, l’evento è stato trasmesso con dirette sui canali social instagram e facebook più seguiti, quasi 100 mila le visualizzazioni e sono stati ingaggiati travel-blogger, influencer e food-blogger che hanno realizzato Vlog da 450.000 visualizzazioni e 76.000 like oltre al lavoro svolto su Tik Tok con la collaborazione della veronese Valentina Raso seguita sui suoi canali con quasi 500 mila persone.

Un’edizione che fa ben sperare al rilancio della nostra città e che vedrà Confesercenti impegnata su questo fronte al fianco delle imprese per cercare di tornare ad una normalità o, per un primo momento, a convivere con questo problema governandolo facendo sistema tra amministrazione, associazioni e aziende.

 

Confesercenti Biella: arrivano i “Sabati d’Autunno” nel cuore della città

confesercenti No Comments
confesercenti-biella:-arrivano-i-“sabati-d’autunno”-nel-cuore-della-citta

I “Sabati d’autunno” coloreranno le vie del centro con bancarelle di hobbisti biellesi e prodotti di qualità tipici

Siamo pronti, da sabato 19 settembre e per cinque sabati consecutivi, in città, nel cuore di Biella, ci saranno parecchie bancarelle con prodotti creati da hobbisti Biellesi e non solo. Un modo per provare a ripartire e dare continuità ai sabati colorati, degli anni passati.

Le graziose bancarelle, unitamente ai dehors estesi dei bar e all’esposizione di merci di alcuni negozi del centro, creeranno una bella atmosfera.

Passeggiare per le vie del centro, abitudine consolidata, in questo 2020 , in cui si è dovuto e si deve fare i conti con l’emergenza sanitaria…… sarà ancora più piacevole e sicuramente sarà un’occasione per vedere le nuove collezioni della moda autunno inverno, ormai presenti nelle vetrine e nei negozi del cuore di Biella.

Per i consumatori ci saranno ancora straordinarie occasioni della scorsa stagione per promozioni imperdibili su prodotti di qualità…….
Il bel tempo per ora ci accompagna, vi vediamo nel cuore di Biella!

Confesercenti Campania, il plauso di Schiavo: “2 milioni per gli intermediari del turismo sono ossigeno”

confesercenti No Comments
confesercenti-campania,-il-plauso-di-schiavo:-“2-milioni-per-gli-intermediari-del-turismo-sono-ossigeno”

Il Presidente schiavo: “Siamo grati al Governatore De Luca, ha ascoltando i nostri reiterati appelli mostrando sensibilità e concretezza”

Confesercenti Campania plaude alla decisione della Regione Campania di destinare 2 milioni di euro attraverso un bando a sostegno degli agenti dell’intermediazione turistica operanti sul nostro territorio.

Il bando, emanato nei giorni scorsi e inserito nel POR FESR Campania 2014-2020 (“Sostegno alla fruizione integrata delle risorse culturali e naturali e alla promozione delle destinazioni turistiche”), prevede un finanziamento in favore delle micro, piccole e medie imprese che svolgono attività di agenzie di viaggio, tour operator e altri servizi di assistenza turistica.

I progetti selezionati, finalizzati alla promozione dei prodotti turistici regionali e al rafforzamento della reputazione turistica della Campania, godranno di un contributo in conto capitale a copertura della spesa, nella misura massima dell’85% e fino ad un massimo di 85.000 euro.

 “Siamo grati al Governatore De Luca – spiega Vincenzo Schiavo, presidente Confesercenti interregionale Campania e Molise – il quale, ascoltando i reiterati appelli di Confesercenti Campania, ha mostrato sensibilità e concretezza emanando un bando rivolto a un settore così tragicamente coinvolto dall’emergenza Covid-19 come quello delle agenzie di viaggio e del turismo. Questo risultato è frutto della politica del fare e della perseveranza di Confesercenti che dal lock-down non ha mai smesso di avere contatti con la Regione Campania. Da marzo scorso, ogni giorno abbiamo rappresentato, sia al Presidente che agli assessorati di riferimento, la assoluta necessità di un intervento economico urgente che offrisse sostegno e prospettive nuove alle piccole e medie imprese del turismo.

Lo sforzo di Confesercenti Campania – conclude Schiavo – ha prodotto questa opportunità che mi auguro sarà sfruttata nel migliore dei modi per dare una boccata d’ossigeno a un settore oramai al collasso”.

Confesercenti Matera: nuova data per l’incontro con i candidati sindaci

confesercenti No Comments
confesercenti-matera:-nuova-data-per-l’incontro-con-i-candidati-sindaci

Nuova data per il confronto con i candidati Sindaci organizzato da Cna, Confartigianato e Confesercenti sui temi del commercio e dell’artigianato

Si terrà giovedì 17 settembre alle ore 9,30 presso la terrazza della CNA, in Via degli Aragonesi 26/a a Matera, il confronto con i candidati alla carica di sindaco di Matera organizzato da Confartigianato, CNA e Confesercenti che avrebbe dovuto tenersi lo scorso venerdì ma rinviato a causa di una concomitante convocazione dei candidati da parte della Prefettura di Matera.

Il confronto vedrà i  dirigenti delle predette associazioni rivolgere ai candidati alcune istanze riguardanti i settori dell’artigianato e del commercio per il futuro della Città di Matera.

 

Confesercenti Modena, Ansva: “Al nuovo Sindaco chiederemo il giusto spazio per il nostro Luna Park”

confesercenti No Comments
confesercenti-modena,-ansva:-“al-nuovo-sindaco-chiederemo-il-giusto-spazio-per-il-nostro-luna-park”

Il Presidente Degli Innocenti: “Bisogna prendere in mano la questione Spettacoli Viaggianti trovando una soluzione adatta alle nostre esigenze e a quelle della cittadinanza”

“Indipendentemente da chi vincerà le elezioni chiediamo già, fin da ora, di prendere in mano la questione Spettacoli Viaggianti trovando una soluzione adatta alle nostre esigenze e a quelle della cittadinanza, in un’area limitrofa al centro”: commenta così Eros Degli Innocenti, Presidente provinciale ANSVA Confesercenti in merito alla decisione del Comune di Vignola di spostare il Luna Park in estrema periferia

“Al nuovo sindaco, indipendentemente da chi verrà eletto, chiediamo subito di affrontare la questione e di individuare un’area centrale e facilmente raggiungibile da giovani e famiglie – commenta Eros Degli Innocenti, Presidente Provinciale dell’Associazione Spettacoli Viaggianti Confesercenti Modena – in quanto la scelta del Comune di Vignola di delocalizzare l’area degli Spettacoli Viaggianti nella zona dell’attuale mercato ortofrutticolo, ovvero a parecchi chilometri dal centro di Vignola, è stata presa senza consultare la nostra associazione di categoria”.

La legge nazionale di settore prevede che le amministrazioni aggiornino l’elenco delle aree almeno una volta l’anno: “La zona in cui siamo ora – prosegue Degli Innocenti – tra via per Sassuolo e la circonvallazione, è di grande interesse per pubblico e operatori. Quella che invece hanno individuato, vicino all’attuale mercato ortofrutticolo, è a parecchi chilometri dal centro di Vignola. Si tratta di un’area non facilmente raggiungibile da nonni e nipoti, su una strada molto pericolosa. Occorre che la nuova amministrazione si faccia immediatamente carico della questione: noi siamo disponibili per un confronto, subito dopo le elezioni, per individuare un nuovo spazio. Il nostro lavoro consente a famiglie, nonni e nipotini, piccoli e ragazzi di trascorrere piacevoli ore di svago in sicurezza. La nuova amministrazione si deve impegnare a trovare un’altra area limitrofa a quella attuale di pari dignità, sicura e protetta. Facciamo appello anche alla cittadinanza di Vignola, dove operiamo da anni, la famiglia Degli Innocenti in particolare ha qui una tradizione circense storica, dal 1928”, conclude il Presidente Provinciale dell’Associazione Spettacoli Viaggianti Confesercenti Modena.

Confesercenti E.R.: 11ª Borsa del Turismo Fluviale e del Po in modalità on-line

confesercenti No Comments
confesercenti-er.:-11a-borsa-del-turismo-fluviale-e-del-po-in-modalita-on-line

Il Presidente Domenichini: “E’ un segnale di fiducia e di ottimismo per il settore, augurandoci che i turisti, possano ritornare a visitare un patrimonio ineguagliabile”

Torna dal 19 al 23 settembre la più importante Borsa di promozione del Turismo Fluviale e del Po che giunge quest’anno alla 11ª edizione e che si svolgerà in modalità completamente online.

Si tratta della più importante iniziativa nazionale di commercializzazione turistica del Grande fiume Po, promossa da Confesercenti Emilia Romagna, Unione dei Comuni della Bassa Reggiana, Camera di Commercio di Reggio Emilia, Apt Servizi Emilia Romagna, Destinazioni Turistiche Emilia e Romagna e con il patrocinio di Enit, Regione Emilia Romagna, Provincia di Reggio Emilia, Comune di Ferrara e di Piacenza e altri Comuni coinvolti nell’evento.

L’evento di maggior interesse per gli operatori è il workshop commerciale e internazionale che si terrà sabato 19 settembre, su appuntamenti prefissati, per la prima volta completamente ONLINE su una piattaforma apposita, che vedrà la partecipazione di quindicina di tour operator di Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Olanda, Irlanda, Regno Unito, Scandinavia, Spagna, Svizzera e Russia, specializzati nella commercializzazione, tramite i propri cataloghi e portali turistici, di vacanze “slow” declinate sul tema del “cicloturismo”, “enogastronomia”, “natura”, tradizioni e cultura nei territori bagnati dal fiume Po, dal Piemonte all’Emilia Romagna, passando per la Lombardia e il Veneto.

I T.O. incontreranno gli operatori dell’offerta specializzati in turismo fluviale e provenienti dalle regioni attraversate dal Po che, dopo le enormi perdite economiche dovute alle conseguenze del lockdown, sono fortemente motivati a riproporre una forma di turismo che negli ultimi anni ha riscosso sempre più interesse.

Altra novità dell’edizione 2020 è rappresentata dai “virtual educational tour”. Il 23 settembre, infatti, sempre su piattaforma dedicata, i Tour Operator e la stampa specializzata, parteciperanno, in collegamento da remoto, a una giornata destinata alla presentazione delle opportunità turistiche delle terre del Po. Storia, tradizione, cultura, enogastronomia, ambiente e sport saranno i contenuti di diversi video presentati in anteprima per l’occasione.

Soddisfazione per l’avvio della Borsa del presidente della Confesercenti E.R. Dario Domenichini: “siamo felici e ringraziamo quanti hanno reso possibile, anche se in forma diversa e originale rispetto al passato, l’organizzazione della Borsa del Po, soprattutto in questa situazione drammatica per il settore turistico. E’ un segnale di fiducia e di ottimismo per il settore, augurandoci che i turisti, anche stranieri, possano ritornare a visitare un patrimonio ineguagliabile”.

Confesercenti Salerno, Fiba: ancora ritardi per le estensioni delle concessioni demaniali

confesercenti No Comments
confesercenti-salerno,-fiba:-ancora-ritardi-per-le-estensioni-delle-concessioni-demaniali

Il Presidente Esposito: “L’impegno a favore  delle imprese turistiche e balneari in alcuni territori è ferma e ne va della  stabilità del proprio tessuto economico e sociale”

La fine dell’anno, dopo una estate difficile e lavorativamente impegnativa sotto tutti i punti di vista, si avvicina e porta con sé purtroppo per molti comuni costieri la spada si Damocle delle scadenze delle concessioni demaniali marittime.

Alcuni  comuni costieri della campania hanno fin qui disatteso, nonostante i solleciti sindacali, una legge dello stato la “famosa” L. 145 del. 30.12.2018, Legge peraltro  recentemente rafforzata dal decreto “Agosto” che invita nuovamente i  Comuni costieri ad estendere i titoli concessori per ulteriori 15 anni.

Un atto dovuto, negato ancora adesso, a molte imprese locali, una palese ingiustizia nei confronti di imprenditori, lavoratori e relative famiglie.

“Questo mancato sostegno”, dichiara il presidente regionale FIBA Confesercenti Campania Raffaele Esposito, “testimonia una chiara responsabilità politica, morale e sostanziale per la mancata applicazione della legge 145 e successive note istituzionali di rafforzamento”.

“FIBA Confesercenti, a poco più di 100 giorni  dalle scadenze precedentemente previste, esprime forte disappunto  nei confronti degli enti locali che non hanno ancora testimoniato, con i fatti, vicinanza e sostegno ai propri onesti  imprenditori balneari e turistico balneari.

La politica dei “soli” proclami è infatti una moda tristemente  diffusa per alimentare   facile  consenso politico, per tenere a bada gli imprenditori, rassicurarli nell’immediato, ma spesso poi si  scopre che tecnicamente le cose stanno diversamente lontane anni luce da quanto affermato o promesso e si è tristemente disattesi o palesemente ostacolati, almeno per la questione rinnovi, paradossalmente anche dai propri uffici.

L’impegno a favore  delle imprese turistiche e balneari, continua il presidente, in alcuni territori è ferma e non va nell’ottica della solidarietà e della stabilità del proprio tessuto economico e sociale.

Dobbiamo tutti immediatamente evitare  la cosiddetta  “guerra dei poveri” tra possibili ed ingenti costi, aste e rialzi d’asta per un fazzoletto di spiaggia in gestione che tanti, tantissimi onesti lavoratori e le proprie famiglie hanno con il proprio sudore riqualificato.

Al pari degli aumenti dei canoni minimi, che dal 2021 saranno automatici con le relative addizionali, i mancati rinnovi hanno già rappresentato una mazzata per centinaia di imprenditori che non hanno potuto attivarsi ad esempio per i finanziamenti controgarantiti al 100% dallo Stato e che ad oggi non possono ancora immaginare opere di investimento e riqualificazione.

In questo preciso momento storico tra mille incertezze e nel  pieno di una tragedia sanitaria si pensa  ad adottare nuove regole, regolamenti, e tecnicismi per alimentare  nuova e  costosa burocrazia a danno delle imprese  che a stento sopravvivono  tra tasse, tributi e pressione  fiscale alle stelle, qui conclude il presidente Esposito si tratta di difendere con i denti  il lavoro di centinaia  di lavoratori e famiglie e non la “lobby” di turno  che qualcuno crede di far trasparire.

Ci auguriamo che chi ha davvero a cuore le sorti di questi onesti lavoratori possa avere il giusto coraggio politico ed istituzionale ovvero quello necessario ad  adottare per tutti gli aventi diritto la Legge 145  e non trincerarsi dietro il grande alibi dell’immobilismo ovvero la burocrazia”.