Intervista alla presidente dell’Associazione per la provincia di Pistoia ed esponente della Presidenza nazionale

La pandemia di Covid-19 ha rappresentato uno “spartiacque” per il settore degli autolavaggi divenuti parte integrante e operatori strategici nella tutela della salute. A dichiararlo è Roberta Innocenti – esponente della presidenza nazionale di Assolavaggisti Confesercenti e presidente dell’associazione per la provincia di Pistoia – che a 18 mesi dal primo lockdown racconta come il settore sta cambiando sulla base delle nuove esigenze sanitarie e di contrasto al Covid-19 e della transizione ecologica.

“In un primo momento abbiamo avuto delle difficoltà. Nonostante il nostro codice Ateco permettesse l’apertura, in alcune aree le forze dell’ordine, per una errata interpretazione della legge, hanno fatto pressioni affinché gli autolavaggi venissero chiusi, imponendo in alcuni casi anche sanzioni. Assolavaggisti si è mossa inviando una lettera ai vari enti preposti al ministero, consentendo che fosse verificato non solo che gli autolavaggi potevano restare aperti, ma ottenendo anche il riconoscimento dalla parte del legislatore come attività fondamentali nella lotta contro il Covid, racconta Innocenti, ripercorrendo i complessi giorni del primo lockdown che ha particolarmente colpito il comparto che consta, secondo le stime di almeno 12mila partite Iva. Grazie a questo riconoscimento, prosegue, gli autolavaggi si sono divenuti fondamentali nella lotta contro il Covid-19, effettuando la sanificazione “non solo delle vetture private, ma anche dei veicoli impiegati in prima linea nel trasporto dei malati, nella consegna dei pasti a domicilio, compresi i mezzi della Protezione civile e delle Forze dell’ordine”.

La pandemia, pur avendo colpito il comparto a livello economico, al pari di altri settori, ha spinto gli autolavaggi a sviluppare standard di qualità e sicurezza fondamentali per un’evoluzione delle attività verso il futuro“Abbiamo dovuto stilare protocolli contro il Covid-19 per i nostri dipendenti, adottare misure a protezione degli utenti e comprendere quali standard di sanificazione adottare”, sintetizza la presidente di Assolavaggisti per la provincia di Pistoia. Nello specifico Innocenti sottolinea che gli standard sono particolarmente precisi e che il solo impiego dell’ozono – pratica che si è particolarmente diffusa durante la pandemia – non è sufficiente a garantire una sanificazione dell’auto o del mezzo certificata. “L’impiego dell’ozono ha validità solo se vengono fatti altri due step: la pulizia dell’auto e la disinfezione di tutte le superfici con prodotti certificati presidio medico chirurgico (Pmc). Solo dopo si può avviare la sanificazione impiegando l’ozono che rappresenta il terzo step. Saltando le prime due fasi la terza non ha validità”, spiega Innocenti. “Abbiamo avviato una campagna informativa per i nostri associati in merito”, aggiunge. Assolavaggisti è cresciuta molto durante la pandemia”, ricorda la Innocenti, secondo cui, grazie all’impegno dell’associazione, si è iniziato a far comprendere che solo gli autolavaggi strutturati “potevano erogare un certo tipo di servizio certificato”. Per la presidente provinciale di Assolavaggisti “il lavaggio non in regola dentro il garage sotto il condominio non poteva più dare questo tipo di garanzia. Abbiamo iniziato a parlare di decontaminazione, sanificazione, protocolli di tutela della tutela della salute, del rispetto di norme che determinati autolavaggi non hanno. È avvenuto uno spartiacque”, racconta.

“In un primo momento abbiamo sofferto come tutti dal punto di vista economico”, ammette Innocenti, affermando tuttavia che negli ultimi sei mesi vi è stata una crescita: “il discorso delle sanificazioni fatte nel rispetto dei protocolli ha portato a investimenti economici da parte delle aziende, come ad esempio acquisto di macchine per l’ozono, protocolli che devono essere fatti e stipulati e che diventano parte integrante del Documento di valutazione dei rischi (Dvr) di ciascuna azienda. Tali adempimenti hanno avuto un costo, ma anche un certo risvolto”.

Affrontando la problematica dei lavaggi “artigianali”, che offrono spesso servizi sottocosto senza rispettare le normative ambientali, Innocenti sottolinea che “i problemi da affrontare sono molti”, ricordando che Assolavaggisti “sta lavorando da anni” su questo fronte “e pensiamo di lavorare ancora di più in maniera approfondita nei prossimi anni”“Abbiamo fatto una grande attività sul territorio e devo dire che molti lavaggi non a norma sono stati verificati e in certi casi chiusi perché sprovvisti delle più elementari autorizzazioni”, racconta la presidente di Assolavaggisti per la provincia di Pistoia. “Il nostro obiettivo è arrivare ad avere una normativa nazionale che preveda per l’apertura di un lavaggio l’Autorizzazione unica ambientale (Aua), sempre e comunque. Non si può più accettare che si possa aprire un lavaggio con una semplice segnalazione certificata di inizio attività (Scia) al comune come laboratorio artigianale, perché così non è. Il lavaggio produce un refluo che deve essere trattato attraverso un impianto depurativo e non può andare dentro le condutture pubbliche. Tutte le regioni si devono impegnare”, afferma Innocenti.

Proprio affrontando il tema del rispetto dell’ambiente, la presidente di Assolavaggisti per la provincia di Pistoia, sottolinea che il presidente del Consiglio Mario Draghi ha posto una grandissima attenzione a quello che è il problema ambientale: “Il Piano nazionale di ripresa e resilienza nel complesso prevede sei punti, uno di questi è interamente dedicato all’ambiente, ma anche gli altri poggiano su una visione green, e gli autolavaggi devono fare la loro parte. Si parla comunque di ambiente, si parla di rivalutazione ambientalerispetto del territoriotutela dell’acqua. Quindi anche i lavaggi devono fare la loro parte e andare verso una visione green del lavaggio auto che significa: impianti depurativi efficienti e controllatiricircolo dell’acqua quando possibile o comunque un uso ridotto; macchinari che hanno un minore impatto sul consumo di energia elettrica. Questo è possibile e fattibile. Bisogna che le istituzioni si impegnino affinché tutto questo venga portato avanti e rispettato. Questo è ciò che ci viene chiesto a livello europeo. Questo è il momento in cui dobbiamo agire e fare”.

Innocenti sottolinea che i macchinari di ultima generazione possono consentire questa transizione ecologica“I portali di ultima generazione hanno chiaramente un consumo energetico molto inferiore rispetto ai vecchi macchinari e lo stesso vale per le idropulitrici. Per quanto riguarda gli scarichi, l’acqua può essere recuperata fino a due volte con un impianto depurativo adeguato”, osserva. L’impiego di macchinari di nuova generazione e di prodotti detergenti a basso impatto ambientale comportano chiaramente investimenti e costi maggiori e in questo contesto è necessario “adeguare le tariffe”“Tutti dobbiamo pensare di andare verso un futuro green, non possiamo immaginare di poter gestire un autolavaggio come avveniva 20 anni fa. Un autolavaggio deve essere trattato come azienda, con investimenti continui. Dobbiamo dare valore al nostro lavoro. Finché si continuano a lavare auto a basso costo è normale che non si possano usare i prodotti a minore impatto ambientale, rinnovare macchinari di ultima generazione, depurare le acque e smaltire i fanghi perché non è fattibile mantenendo questi prezzi”, precisa Innocenti.

Il sostegno al rinnovamento del settore deve anche avvenire con adeguate risorse, pubbliche o europee, che però, come sottolinea Roberta Innocenti, sono di difficile accesso o hanno procedure farraginose: “Le risorse ci sono ma sono di difficile accesso. A volte o è farraginosa la procedura per arrivare ad accedere ai fondi, oppure vi è una procedura con click day che è come giocare alla lotteria. Le aziende non strutturate si spaventano o abbandonano il progetto. La nostra associazione ha lo scopo di stare al fianco anche per questo tipo di iniziative a tutti i nostri associati”, afferma la presidente di Assolavaggisti per la provincia di Pistoia.

I commenti sono chiusi.
Confesercenti Provinciale di Enna
Via Siracusa 13/Bis - 94100 Enna
Tel. 0935.24118
Fax 0935.633230
Cell. 335.7908427